Università degli Studi di Bologna

 

Centro interdipartimentale di scienze dell'Islam "Abdulaziz Ibn Saud"

Villa Gandolfi Pallavicini

Via Martelli, 22/24 - 40138 Bologna

 

DIRETTORE

Roversi Monaco Fabio Alberto al 31.10.2002

Papa Massimo da ll' 1.11.2002

 

SEGRETARIO AMMINISTRATIVO

Malvolti Danila al 15.11.2000

Cairo Alessandro dal 2.1.2001 al 30.9.2002

D'Ambrosio Roberta dall' 1.10.2002

 

Nello spirito della Magna Charta delle Università sottoscritta a Bologna e della sua secolare vocazione, l'Università di Bologna ha perciò promosso la costituzione del "Centro Interdipartimentale di Scienze dell'Islam", cui hanno aderito i Dipartimenti di Discipline storiche, Filosofia, Politica Istituzioni e storia, Studi linguistici e Orientali e l'istituto Giuridico. Il centro prende il nome da Abdalaziz Ibn Saud fondatore del regno dell'Arabia Saudita che ha garantito generosamente il suo appoggio al progetto dell'Ateneo per lo sviluppo delle Scienze dell'Islam.

Come afferma il primo capitolo dello Statuto: il "Centro Interdipartimentale di Scienze dell'Islam", nell'intento di sviluppare le Scienze sull'Islam nell'Ateneo di Bologna, progetta ricerche scientifiche, promuove e coordina la didattica relativa nelle Facoltà dell'Ateneo, dai livelli iniziali fino ai livelli post-laurea, favorendo anche progetti didattici coordinati; organizza corsi, seminari e convegni; promuove pubblicazioni scientifiche; favorisce la collaborazione tra gli studiosi dell'Ateneo in questo settore.

Ampie sono le prospettive disciplinari che fanno capo al Centro: la lingua e la letteratura, le scienze sociali, la filosofia, la storia, il diritto, le scienze della religione, le scienze della politica, la filologia, la matematica. Il campo di applicazione scientifica del centro include tutti gli aspetti dell'Islam, dalle origini ad oggi e in ogni parte del mondo.

Il Centro intende svolgere le proprie attività in collegamento con i principali centri accademici italiani e stranieri e si avvale di un comitato scientifico internazionale che coadiuverà l'Ateneo nella realizzazione dei progetti scientifici, didattici ed editoriali. Nella sede di Villa Pallavicini, sarà anche collocata la nuova biblioteca.