Assistenza sanitaria per gli studenti internazionali

Informazioni utili per fruire dell'assistenza medica in Italia.

L’Italia ha un sistema sanitario pubblico chiamato Servizio Sanitario Nazionale (SSN), suddiviso in Aziende Unità Sanitarie Locali (AUSL).

Consulta le informazione sulle AUSL di Bologna e dei campus della Romagna.

Studenti con cittadinanza dell’Unione Europea (studenti UE)

  • Con residenza anagrafica in Italia da almeno 5 anni, possono richiedere al Comune di residenza l’"Attestato di Soggiorno Permanente"che dà diritto all’iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale (SSN) con scelta del Medico a tempo indeterminato.
  • Con formulario E106/E109/S1rilasciato dal Paese di provenienza, possono iscriversi al SSN con scelta del medico per la durata temporale indicata nel formulario.
  • Privi dei requisiti per la scelta del medico ma in possesso di tessera sanitaria europea (TEAM)del Paese di provenienza in corso di validità, possono ricevere tutte le prestazioni sanitarie medicalmente necessarie, quali visite occasionali dai Medici di Medicina Generale e prestazioni di Specialistica Ambulatoriale.
  • In assenza di attestati di diritto possono stipulare una polizza sanitaria privata pari alla durata del corso di studi, che copra tutti i rischi, che non prevede l’iscrizione al SSN né la scelta del medico. In alternativa possono richiedere l’iscrizione volontaria al Servizio Sanitario Nazionale, autocertificando la qualità di studente.

Attenzione! Le polizze sanitarie private di norma prevedono che lo studente paghi le spese e poi chieda il rimborso alla compagnia assicurativa. Quando acquisti la polizza verifica con attenzione le modalità e i limiti dei rimborsi. Ricordati che le spese sanitarie da anticipare potrebbero essere molto alte, ad esempio in caso di ricovero ospedaliero.

Studenti con cittadinanza non dell’Unione Europea

  • Possono richiedere l’iscrizione volontaria al Servizio Sanitario Nazionale con scelta del Medico di medicina generale, versando un contributo forfettario annuale valido per anno solare (scade il 31 dicembre), ovvero mantenere il diritto all’iscrizione obbligatoria, laddove la normativa lo preveda.
  • Possono stipulare una polizza sanitaria privata pari alla durata del corso di studi, che copra tutti i rischi, e del relativo certificato di conformità alla legge italiana firmato dalla compagnia di assicurazione che non prevede l’iscrizione al SSN né la scelta del medico.

Attenzione! Le polizze sanitarie private di norma prevedono che lo studente paghi le spese e poi chieda il rimborso alla compagnia assicurativa. Quando acquisti la polizza verifica con attenzione le modalità e i limiti dei rimborsi. Ricordati che le spese sanitarie da anticipare potrebbero essere molto alte, ad esempio in caso di ricovero ospedaliero.

 

Come effettuare l’iscrizione volontaria al Servizio Sanitario Nazionale da studente

Per iscriverti devi recarti a uno Sportello Unico Distrettuale. Porta con te:

  • il passaporto con il visto (per studenti non UE);
  • il certificato di iscrizione all’Università, il certificato di arrivo se sei studente di scambio o visiting student, la dichiarazione del responsabile della struttura che ti ha accolto se sei ospite per motivi di studio (visiting scholar);
  • la ricevuta dell'Ufficio Postale attestante l'avvenuta presentazione della richiesta di primo rilascio o di rinnovo del permesso di soggiorno, o il permesso di soggiorno in corso di validità (per studenti non UE).

L’iscrizione volontaria al SSN da studente prevede il pagamento di un contributo forfettario annuale non frazionabile di euro 149,77 da effettuare presso un Ufficio Postale.

Attenzione: l’iscrizione al SSN viene effettuata per anno solare, dal 1 gennaio al 31 dicembre, e non è possibile iscriversi in anticipo per l’anno successivo. Se ad esempio arrivi a settembre, devi valutare la convenienza, perché l’iscrizione è valida solo fino al 31 dicembre, ma devi comunque pagare l’intero contributo annuale.

A cosa dà diritto l’iscrizione al SSN.

Consulta l’elenco degli Sportelli Unici Distrettuali di Bologna, Cesena (Sportello Unico), Forlì (Sportello Unico Anagrafe Sanitaria), Ravenna (Sportello Unico) e Rimini (Dipartimento di Cure Primarie).