Scuola di specializzazione in Beni Archeologici

La Scuola si propone di formare specialisti con uno specifico profilo professionale nel settore della tutela, gestione e valorizzazione del patrimonio archeologico.
Codice 0865
Area Beni culturali
Anno accademico 2017/2018
Direttore/Coordinatore Prof. Nicolò Marchetti
Durata 2 anni
Scadenza bando

24/11/2017

Obiettivi formativi
La Scuola si propone di formare specialisti con uno specifico profilo professionale nel settore della tutela, gestione e valorizzazione del patrimonio archeologico, in grado di operare con funzioni di elevata responsabilità in strutture pubbliche e/o private. Il Diploma conseguito permette di accedere ai concorsi per funzionari archeologi negli organi del Ministero per i Beni e le Attività Culturali.
Requisiti e titoli di ammissione
Alla scuola si accede previo concorso di ammissione, per esami e per titoli, con il diploma di laurea di secondo Livello (300 CFU). Sono ammessi al concorso per ottenere l’iscrizione alla scuola i laureati dei corsi di laurea specialistica in Archeologia (2/S) e magistrale in Beni Archeologici (L-M/2).
Sono altresì ammessi al concorso coloro che siano in possesso di una laurea del vecchio ordinamento equiparata alle precedenti secondo il Decreto Interministeriale del 9 luglio 2009.
Sono altresì ammessi al concorso per l'ammissione alla Scuola coloro che siano in possesso del titolo di studio conseguito presso Università straniere e ritenuto equiparabile alla laurea richiesta per l’accesso alla scuola stessa, limitatamente ai fini dell'iscrizione alla Scuola (Circolare MURST e MAE n. 658 del 21/3/2005).
Sede didattica
Piazza San Giovanni in Monte, 2
40124 Bologna.
Crediti formativi
La Scuola ha la durata di due anni accademici e prevede l’acquisizione complessiva di 120 CFU. Il numero dei posti per il 1° anno di corso è di norma fissato in 15.
Frequenza Obbligatoria
La frequenza delle lezioni, delle conferenze, dei seminari nonché la partecipazione alle attività pratiche, di stages e tirocini è obbligatoria. In particolare, le lezioni frontali e i seminari della scuola sono previste di norma a partire da mese di gennaio e fino al 30 giugno di ogni anno.
Esame finale
Alla fine di ogni anno, lo specializzando dovrà superare un esame teorico-pratico sulle attività di formazione svolte nell’anno, valutato da una apposita Commissione, costituita dai Docenti della Scuola delle discipline interessate dal programma di formazione dei candidati.
Gli specializzandi possono trascorrere, previa autorizzazione del Consiglio della Scuola, un periodo di studio all’estero sulla base dei programmi predisposti in dipendenza di appositi accordi con Istituzioni scientifiche italiane e/o straniere. Il profitto della permanenza all’estero viene valutato nell’esame annuale.

Avvisi della scuola

E' stato pubblicato il bando per l'accesso alla Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici per l'a.a. 2017/2018

Attenzione: il termine per la presentazione delle domande online è il 24 novembre 2017 ore 16:30.