Master in Monitoraggio ambientale e prevenzione dei rischi per la salute e l'ambiente - 5556

Codice 5556
Anno accademico 2017-2018
Area disciplinare Area scientifico-tecnologica
Campus Ravenna
Livello Primo
Direttore Elena Fabbri
Durata Biennale part time
Modalità di erogazione della didattica Convenzionale
Lingua Italiano
Costo 3.500 Euro
Rate Prima rata 1.900 Euro; Seconda rata 1.600 Euro (scadenza 31/05/2018)
Scadenza bando

19/01/2018

Inizio e fine immatricolazione Dal 6 febbraio al 20 febbraio
Periodo di svolgimento Febbraio 2018 - Novembre 2019
Struttura proponente
Dipartimento di Scienze Biologiche, Geologiche e Ambientali - BiGeA
Scuola
Scienze
Profilo professionale:
Il Master offre un percorso formativo che ha come obiettivo quello di formare le figure professionali nel campo del monitoraggio ambientale e della prevenzione dei rischi per la salute dell’uomo e dell’ambiente, fornendo le conoscenze atte a comprendere le evoluzioni e le problematiche ambientali e a supportare le attività di valutazione, pianificazione, elaborazione e applicazione delle procedure per la prevenzione dei rischi e per la tutela dell’ambientale e della salute dell’uomo. Questa figura professionale attraverso l’acquisizione, validazione e interpretazione dei dati e l’utilizzo della modellistica è in grado di applicare le normative in materia e di ideare, progettare e realizzare linee guida e protocolli utili allo sviluppo di strategie a supporto di monitoraggi, controlli funzionali e interventi nella prevenzione dei rischi per la salute delle persone e nella prevenzione e protezione ambientale. La collaborazione del Master con Arpae offre allo studente anche l’occasione per un’esperienza diretta di quanto già attivo sul territorio.
Numero partecipanti
Minimo: 15 Massimo: 70
Crediti formativi
60
Titoli d'accesso
a) Lauree triennali conseguite ai sensi del DM 270/04 nelle seguenti classi: L-2 Biotecnologie, L-7 Ingegneria civile e ambientale, L-13 Scienze biologiche, L-17 Scienze dell’architettura, L-21 Scienze della pianificazione territoriale, urbanistica, paesaggistica, ambientale, L-25 Scienze e tecnologie agrarie e forestali, L-26 Scienze e tecnologie agro-alimentari, L-27 Scienze e tecnologie chimiche, L-29 Tossicologia ambientale, L-30 Scienze e tecnologie fisiche, L-32 Scienze ambientali, L-34 Scienze geologiche, L-41 Statistica, LSNT/4 Tecniche della Prevenzione dell’Ambiente, SNT/03 Professioni Sanitarie Tecniche, SNT/04 Professioni sanitarie della prevenzione o lauree di primo ciclo di ambito disciplinare equivalente, eventualmente conseguite ai sensi degli ordinamenti previgenti (DM 509/99 e Vecchio Ordinamento). Sono ammessi i laureati di primo ciclo nella classe L-14 Scienze dei servizi giuridici (o equivalenti), purchè in possesso di esperienza almeno triennale nell’ambito della prevenzione ambientale o lauree di primo ciclo di ambito disciplinare equivalente, eventualmente conseguite ai sensi degli ordinamenti previgenti (DM 509/99 e Vecchio Ordinamento).

b) Laurea magistrale e magistrale a ciclo unico conseguita ai sensi del D.M. 270/04 nelle seguenti classi: SNT/03/S Scienze delle professioni sanitarie tecniche, SNT/04/S Scienze delle professioni sanitarie della prevenzione, LM-3 Architettura del paesaggio, LM-4 Architettura, LM-6 Biologia, LM-7 Biotecnologie agrarie, LM-8 Biotecnologie industriali, LM-9 Biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche, LM-17 Fisica, LM-23 Ingegneria civile, LM-35 Ingegneria per l’ambiente e il territorio, LM-41 Medicina e chirurgia, LM-48 Pianificazione territoriale urbanistica ambientale, LM-54 Chimica, LM-60 Scienze della natura, LM-69 Agraria, LM-70 Scienze e Tecnologie Alimentari, LM-71 Scienze e tecnologie della chimica indusriale, LM-73 Scienze e tecnologie forestali e ambientali, LM-74 Scienze e tecnologie geologiche, LM-75 Scienze e tecnologie per l’ambiente e il territorio, LM-79 Scienze geofisiche, LM-82 Scienze statistiche, LM-86 Scienze Zootecniche e Tecnologie animali o lauree di secondo ciclo di ambito disciplinare equivalente, eventualmente conseguite ai sensi degli ordinamenti previgenti (DM 509/99 e Vecchio Ordinamento); Sono ammessi i laureati di secondo ciclo nella classe LMG-01Giurisprudenza (o equivalenti), purchè in possesso di esperienza almeno triennale nell’ambito della prevenzione ambientale o lauree di secondo ciclo o ciclo unico di ambito disciplinare equivalente, eventualmente conseguite ai sensi degli ordinamenti previgenti (D.M. 509/99 e Vecchio Ordinamento).

In base ad una valutazione positiva della Commissione Giudicatrice possono essere ammessi al percorso di selezione anche candidati in possesso di altre lauree in ambito sanitario o ambientale, purché in presenza di un curriculum vitae et studiorum che documenti una qualificata competenza nelle materie oggetto del master.

In base ad una valutazione positiva della Commissione Giudicatrice possono essere ammessi al percorso di selezione anche candidati in possesso di altri titoli, in particolare:

c) D.U. o titoli equipollenti ai sensi della Legge n. 1 dell'8 Gennaio 2002, art. 1 comma 10 per tutti i profili pertinenti compresi nelle aree professionali unitamente al possesso di un diploma di maturità quinquennale e a 3 (tre) anni di esercizio professionale continuativo nel profilo corrispondente.

d) D.U. o titoli equipollenti al diploma universitario di tecnico della prevenzione dell’ambiente e dei luoghi di lavoro, ai sensi del DM 27 luglio 2000 art 1 e successive modificazioni, così come descritto nel DM 3 Novembre 2011, ai fini dell’esercizio professionale e dell’accesso alla formazione post-base e a 3 (tre) anni di esercizio professionale continuativo nel profilo corrispondente,purché in presenza di un curriculum vitae et studiorum che documenti una qualificata competenza nelle materie oggetto del master.
Criteri di selezione
L’ammissione al Master è condizionata a giudizio positivo formulato a seguito di valutazione titoli.
Sede delle lezioni
Campus di Ravenna e sedi di Autorità Portuale e di ARPAE a Ravenna
Piano didattico
  • Controllo, sicurezza ambientale e sostenibilità - BIO/07 - Giuseppe Bortone
  • Qualità delle acque - GEO/08 - Enrico Dinelli
  • Suolo, rischio idrogeologico e subside - GEO/03 - Alessandro Buscaroli
  • Inquinamento atmosferico, meteorelogia e cambiamento climatico - FIS/06 - Stefano Tibaldi
  • Biomonitoraggio ambientale - BIO/09 - Elena Fabbri
  • Esposizione ambientale e salute umana - MED/42 - Annamaria Colacci
  • Epidemiologia ambientale e modelli di valutazione del rischio per la salute - MED/04 - Sandro Grilli
  • Quadro legislativo ambientale - IUS/09 - Leonardo Zanetti
  • Monitoraggio degli ecosistemi costieri, interventi e infrastrutture - BIO/07 - Marco Abbiati
  • Valutazioni ambientali e comunicazione - M-PSI/01 - Roberta Lorenzetti
  • Esposizione alimentare ad inquinanti ambientali - AGR/15 - Giuseppina Paola Parpinello
  • Modellistica e strumentazione avanzata di monitoraggio - GEO/03 - Luigi Cantelli
Frequenza obbligatoria
80%
Stage
12 CFU