Master in Mediatori dei Conflitti: Operatori di Pace

Codice 8319
Anno accademico 2012-2013
Area disciplinare Area sociale, economica, giuridica
Campus Bologna
Livello Primo
Direttore Luigi Guerra
Durata Annuale
Modalità di erogazione della didattica Convenzionale
Lingua Italiano
Costo 317,09
Rate Rata Unica di 317,09 euro
Scadenza bando

14/06/2012 (Scaduto)

Inizio e fine immatricolazione Dal 05 luglio 2012 al 17 luglio 2012
Periodo di svolgimento 20/07/2012 - 27/09/2013
Struttura proponente
Facoltà di Scienze della Formazione
Profilo professionale:
La finalità del corso è quella di formare operatori umanitari che siano in grado di intervenire nelle situazioni di crisi di convivenza, per ridurre le tensioni e favorire il dialogo come forma di risoluzione delle controversie locali, nazionali e soprattutto quelle internazionali. Nell'ambito della risoluzione dei conflitti internazionali il personale formato potrà partecipare anche alla costituzione di una prima task force di civili professionisti che a livello europeo realizzerà, valorizzando l'apporto delle organizzazioni non governative, le attività previste dall'Unione Europea e da numerose risoluzioni del Parlamento Europeo, supportate da risoluzioni del Consiglio Europeo e dall'OSCE in tema di prevenzione dei conflitti. L'operatore nei conflitti internazionali è uno specialista nel settore degli interventi civili della promozione della pace intesa come prevenzione e gestione dei conflitti, siano essi tra piccoli gruppi (micro - conflitti), siano essi di carattere locale - regionale che richiedono adeguate forme di difesa sociale (meso - conflitti) o di tipo internazionale tra diversi stati o all'interno di uno stato che richiede adeguate forme di difesa civile (macro - conflitti); è un operatore umanitario con competenze relazionali idonee a contribuire alla riduzione delle tensioni e a creare condizioni favorevoli di dialogo, con competenze interculturali particolarmente sviluppate a favore della comprensione e accettazione delle diversità etniche, religiose e culturali. Possiede infine competenze per la gestione delle emergenze e per favorire il miglior coordinamento e la massima sintonia operativa fra ONG e gli organismi governativi responsabili della direzione degli interventi.
Numero partecipanti
Minimo: 15 Massimo: 20
Crediti formativi
60
Titoli d'accesso
Lauree triennali in studi giuridici, sociali, politici e umanistici
Conoscenze Linguistiche
Conoscenza della lingua inglese
Criteri di selezione
Titoli, esami e colloquio motivazionale
Sede delle lezioni
Bologna e Bolzano
Piano didattico
  • Gestione del conflitto e mediazione sociale
  • Mediazione interculturale e territorio locale
  • Diritto
  • Conflitti internazionali e promozione del Processo di Pace
  • Cooperazione internazionale, decentrata e sviluppo locale
  • Aiuti Umanitari
  • Project cycle management e competenze manageriali
  • Teorie e strategie dell'empowement
  • Competenze Trasversali
Frequenza obbligatoria
85%
Stage
12 CFU
Prova finale
3 CFU