Prima di partire: visto d’ingresso e assicurazione sanitaria

Gli studenti non-UE residenti all’estero, che si iscrivono a corsi di studio o singoli insegnamenti, per entrare in Italia, devono richiedere un visto d’ingresso per motivi di studio.

Il visto d’ingresso per studio viene rilasciato a conclusione delle procedure di preiscrizione presso le Ambasciate d’Italia.

Per maggiori informazioni sulle procedure di preiscrizione consulta le sezioni relative alle immatricolazioni a corsi di studio e alle iscrizioni a singoli insegnamenti, e contatta il l’Ambasciata d’Italia (o il Consolato) più vicina.

Attenzione: il visto d’ingresso per turismo non consente l’iscrizione all’università e il rilascio del permesso di soggiorno per motivi di studio.

Se prima di partire acquisti l’assicurazione sanitaria nel tuo Paese (che deve essere valida in Italia e coprire il rischio malattie, infortunio, maternità), devi portarla all’Ambasciata insieme alla documentazione per ottenere il visto e assicurarti che venga apposto un timbro per certificarne la validità. Senza il timbro dell’Ambasciata infatti, una volta arrivato in Italia, potresti essere obbligato ad acquistare un’altra assicurazione, perché l’assicurazione straniera non validata dall’Ambasciata non può essere accettata per ottenere il permesso di soggiorno.