Medico-chirurgo

Informazioni per l'Esame di stato di Medico-chirurgo. Legge di riferimento: DM 445 del 19/10/2001 - pubblicato sulla GU n.299 del 27/12/2001. Il DM n.445 (entrato in vigore a partire dalla prima sessione 2004) ha introdotto una nuova disciplina relativa allo svolgimento delle prove d'esame e si applica indistintamente a tutti i Laureati in Medicina e Chirurgia, indipendentemente dall'ordinamento e dal tirocinio svolto.

Prova pratica di tirocinio

Le sedi assegnate non possono essere variate, a meno di scambio fra candidati e in casi eccezionali, da concordare con l’Ufficio immediatamente dopo la pubblicazione delle assegnazioni. Anche in corso di sessione qualunque variazione di sede o di tutor, dovuta a motivi imprevisti e documentati, deve essere richiesta e formalmente autorizzata dall’Ufficio.

Ritiro dei libretti allo sportello dell'Ufficio. Ogni candidato dovrà riportare sul proprio libretto la sede assegnata.

All'inizio di ogni mese, prima di iniziare la frequenza, i candidati devono presentarsi al proprio tutor e concordare le modalità della sua frequenza, per un totale di almeno 80 ore per ciascun mese.

Restituzione del libretto: il libretto dovrà essere inserito in busta sigillata, con firma e timbro del Tutor sul lembo di chiusura e restituito all’Ufficio Esami di Stato o a mezzo posta o incaricando il candidato della consegna a mano. Si raccomanda la massima tempestività allo scadere dell’ultimo mese.

Titoli di accesso 

Laurea in Medicina e Chirurgia

  • conseguita secondo uno dei vecchi ordinamenti previgenti alla riforma di cui all’art.17 comma 95 della legge n.127 del 15/05/1997 e succ.modifiche
  • Laurea specialistica afferente alla Classe 46/S
  • Laurea magistrale afferente alla classe LM-41

Se non trovi la tua laurea tra i titoli ammessi all’esame di stato consulta la tabella delle equiparazioni tra diplomi di lauree di vecchio ordinamento, lauree specialistiche e lauree magistrali.

Programma d’esame

L'esame consiste in due prove: una prova pratica a carattere continuativo e una prova scritta.

Le sedi assegnate non possono essere variate, a meno di scambio fra candidati e in casi eccezionali.

Commissione di vigilanza per la prova scritta

I sessione 2017:
Dott.ssa Giannina Raggiotto (Presidente), Dott.ssa Elisabetta Simoncini, Prof.ssa Paola Strocchi, Prof.Carmine Pizzi.
Dott.Roberto Paolo Zambelli e Prof.Giovanni Fuga.

Abilitazione

Per essere abilitato, il candidato dovrà conseguire la sufficienza in tutte le prove e un voto complessivo non inferiore a 180/270. Voto minimo finale: 180 Voto massimo finale: 270.
Il voto di abilitazione è  il risultato della somma delle 5 prove, che devono essere tutte sufficienti (cioè non inferiori a 60/90). Alla fine della prova scritta, l'ufficio procederà alla somma dei 5 risultati individuali delle tre prove di tirocinio e delle due prove scritte a) e b) e alla loro somma in novantesimi.
I certificati di abilitazione saranno disponibili su richiesta, senza limite di scadenza, dopo la pubblicazione dei risultati.

Iscrizione

Le iscrizioni alla II sessione 2017 si apriranno il 4 settembre 2017, alle ore 10:00. Tutte le informazioni sono contenute nel Bando d'attivazione della seconda sessione 2017, pubblicato nel box "Allegati" a destra della pagina.

Date, sedi e risultati intermedi delle prove

Due sessioni per ogni anno, stabilite da Ordinanza Miur.

II sessione 2017

Sedi assegnate per lo svolgimento della prova pratica di tirocinio: 
L'assegnazione delle sedi verrà resa pubblica a partire dal 27 ottobre 2017 (o in data immediatamente successiva) mediante pubblicazione nello spazio Allegati, a destra nella pagina. 

Prova pratica: dal 6 Novembre 2017 al 30 Gennaio 2018.

Consegna dell’ultimo libretto: entro e non oltre venerdì 2 febbraio 2018, a pena di esclusione dalla prova scritta. 

Prova scritta: 15 febbraio 2018.

Attenzione! Le due parti della prova - di 150 minuti ciascuna - si svolgeranno consecutivamente, senza intervallo. I candidati dovranno pertanto fornirsi di mezzi di conforto (acqua e beni di consumo).

Sede della prova: DA DEFINIRE.