Iscrizioni e tasse per gli Esami di stato

L'iscrizione agli Esami di Stato per l'abilitazione alle professioni è esclusivamente telematica e si effettua su Studenti Online.

I passi da compiere per iscriversi

  • Consultare le modalità di iscrizione nel Bando pubblicato nel box allegati nella pagina web di ciascuna professione.
  • Effettuare la Domanda di iscrizione su Studenti Online
  • Versare le due tasse di ammissione:
    - Tassa universitaria di euro 400.00 (da effettuare online con carta di credito durante l'iscrizione oppure presso filiale Unicredit)
    - Tassa governativa di euro 49.58
    (da effettuare esclusivamente presso Uffici postali sul c/c 1016 - intestato a Agenzia Delle Entrate - Tasse Scolastiche - Centro Operativo Di Pescara; bollettino prestampato disponibile presso gli stessi uffici postali).
    Chi è stato assente in sessioni precedenti veda il paragrafo "tasse per gli assenti".
    Chi avesse già conseguito l’abilitazione di primo livello (sezione B), nella domanda di ammissione all’esame per la sezione A deve indicare il conseguimento della abilitazione di primo livello.
    Allegare durante la procedura di iscrizione online la attestazione di versamento della tassa di euro 49,58 in pdf alla domanda di ammissione, ed eventuali altri documenti in pdf se previsti dal Bando, solo per le professioni indicate nell'art. 3 del Bando.
  • Le candidate devono allegare in pdf anche l’autocertificazione firmata di presa visione delle linee guida sulla tutela della maternità. Il modulo si scarica insieme a quello della domanda di ammissione, durante la procedura di iscrizione.

Scadenze

Le iscrizioni si aprono il giorno 15 settembre 2017 alle ore 10.00 (prima di questa data il sistema di iscrizione online non sarà attivo).
Le iscrizioni si chiudono il 19 ottobre 2017.
Laurea da conseguire entro il 6 novembre 2017.

Chi non inserisce subito tutti i documenti richiesti, è pregato di completare l’iscrizione entro 48 ore dal primo inserimento della domanda. 

Tasse per gli assenti

Il candidato che non si presenta alla prima prova mantiene la validità delle tasse versate. Potrà partecipare a una qualunque sessione successiva, producendo apposita nuova domanda entro la scadenza stabilita, ma senza ripetere il versamento delle tasse, facendo riferimento alla documentazione allegata alla domanda precedente, salvo eventuale conguaglio. Non potrà, invece, avere diritto ad alcun rimborso.
(vedi Bando, art.11)
La tassa governativa di euro 49.58 rimane sempre valida.

Chi è stato assente nella prima sessione 2017,  in una delle due sessioni degli anni 2016, 2015, 2014, 2013, 2012 o II sessione 2011 ed ha versato la tassa di euro 400.00 non deve alcuna integrazione.

Chi è stato assente in sessioni precedenti alla II sessione 2010:
deve allegare alla domanda il versamento di integrazione pari alla differenza tra quello che ha già pagato e l' importo di 400.00 euro (deliberato dal CdA il 1° luglio 2010).
Il versamento va effettuato esclusivamente presso una qualsiasi filiale della banca Unicredit con bollettino da richiedere, anche via mail, all’Ufficio esami di Stato.

Assente nella II sessione 2009 o nella I sessione 2010 (e quindi ha già versato euro 350) = deve integrazione euro 50.00.
Assente in sessioni precedenti alla II 2009
(e quindi ha già versato euro 207) e non ha più ripresentato domanda di ammissione = deve integrazione di euro 193.00.

La tassa governativa di euro 49.58 non deve essere ripetuta.

Esito negativo

Chi non supera l'esame (compresi coloro che si ritirano da una prova) deve ripetere il pagamento delle due tasse e tutte le prove d'esame eventualmente superate.