Dottorato in Scienze Pedagogiche

Anno accademico 2017-2018
Area tematica Scienze Umanistiche
Ciclo XXXIII
Coordinatore Prof.ssa Tiziana Pironi
Lingua Italiano
Durata 3 anni
Posti e borse di studio 5 posti, di cui 4 con borsa di studio
Scadenza bando 29/05/2017 ore 13:00 (Scaduto)
Graduatoria Consulta la graduatoria su Studenti Online
Periodo di immatricolazione Dal 29/09/2017 al 09/10/2017
Data inizio corso 01/11/2017
Struttura proponente
Dipartimento di Scienze dell'Educazione "Giovanni Maria Bertin"
Periodo all'estero
Sì (3 mesi)
Curricula e tematiche di ricerca

Le tematiche di ricerca afferiscono ai due indirizzi principali, l'indirizzo pedagogico-storico e didattico-sperimentale. Nel dettaglio le tematiche di ricerca in cui si articola il primo anno di formazione, attraverso lezioni frontali, laboratori e seminari di approfondimento, sono:

  • Pedagogia generale e sociale, che comprende: filosofia dell'educazione, pedagogia delle famiglie, pedagogia interculturale, educazione degli adulti
  • Storia della pedagogia, che comprende: storia della scuola, storia dell'educazione, storia delle teorie dell'infanzia, storia dell'immaginario infantile e letteratura per l'infanzia
  • Didattica e Pedagogia Speciale, che comprende: metodologie didattiche e dell'apprendimento, educazione inclusiva, bisogni educativi speciali, tecnologie dell'istruzione ed e-learning
  • Pedagogia sperimentale, che comprende: teorie e strategie di progettazione e valutazione degli interventi educativi, docimologia, metodologia della ricerca empirica in educazione.   

 Le tematiche di ricerca prevedono anche eventuali correlazioni tra l'area pedagogica e quella psicologica.

Sbocchi professionali e potenziali settori di impiego del dottorato di ricerca
Gli sbocchi professionali del dottorato di ricerca in Scienze Pedagogiche sono eminentemente legati alle conoscenze e competenze nella ricerca pedagogico-didattica maturate durante il corso. In particolare i dottori saranno in grado di:
- partecipare a bandi di ricerca banditi da istituzioni pubbliche o private (Centri di ricerca universitari, ASL, IRRE, Fondazioni, Centri studio)
- accedere ai posti di alta dirigenza nei settori della formazione
- condurre progetti e ricerche di mercato per le aziende che offrono servizi e prodotti destinati all’educazione e alla formazione (editoria scolastica e per ragazzi, creazione e produzione di software educativi, videogiochi per bambini e adolescenti e l’intero settore dell’edutainment, protesi e tecnologie per l'inclusione didattica e sociale)
- dirigere e organizzare centri di documentazione, biblioteche, archivi e poli museali dell’area educativa e dedicata all’infanzia presso enti privati (Fondazioni, Associazioni, Cooperative, Case Editrici) e pubblici
- operare per i settori della pubblica amministrazione che necessitano di indagini e ricerche sui bisogni educativi/sociali/ formativi della popolazione per poter progettare adeguatamente gli interventi
- svolgere attività di counseling pedagogico e progettare corsi di formazione a distanza (e-learning)
Commissione esaminatrice

Membri effettivi
Emma Beseghi Università di Bologna Dip. Scienze dell'Educazione Docente di I fascia
Roberta Caldin Università di Bologna Dip. Scienze dell'Educazione Docente di I fascia
Maurizio Fabbri Università di Bologna Dip. Scienze dell'Educazione Docente di I fascia
Membri supplenti
Letizia Caronia Università di Bologna Dip. Scienze dell'Educazione Docente di I fascia
Luigi Guerra Università di Bologna Dip. Scienze dell'Educazione Docente di I fascia
Tiziana  Pironi Università di Bologna Dip. Scienze dell'Educazione Docente di I fascia
Obiettivi formativi del dottorato
Il dottorato di ricerca in Scienze Pedagogiche prevede due indirizzi distinti: un indirizzo pedagogico-storico e un indirizo didattico-sperimentale. Per ciascuno dei 2 indirizzi è prevista l’eventualità di un percorso di studio che approfondisca le interazioni sul piano teorico e metodologico-operativo tra scienze pedagogiche e le specifiche articolazioni disciplinari del sapere psicologico con riferimento al ricco quadro di incontri interdisciplinari che psicologia e pedagogia maturano a livello epistemologico e nella definizione di interventi complessi a livello dei servizi. Agli obiettivi formativi comuni ai due indirizzi si affiancano obiettivi specifici relativi a ciascun indirizzo.
Tipologia dell'attività svolta dai dottorandi
- Ricerca sul campo nei principali contesti educativi (formali, informali e non formali)
- Allestimento di progetti educativi in contesti simulati (laboratori educativi); partecipazione a progetti di ricerca-azione
- Ricerca bibliografica e teorico-comparativa
Attività di formazione alla ricerca previste per i dottorandi in coerenza con gli obiettivi formativi del dottorato
Lezioni frontali articolate secondo un percorso formativo basato sui 4 focus di interesse del dottorato che corrispondono ai settori scientifici disciplinari dei due indirizzi sopra descritti. La frequenza a seminari condotti prevalentemente da docenti stranieri esperti delle materie in oggetto al corso di studi, compresi i seminari della Scuola Superiore di Studi Umanistici dell’Università di Bologna. Partecipazione a cicli di lezioni presso altri atenei nazionali e internazionali. Partecipazione a progetti educativi e formativi. Conoscenza diretta di esperienze innovative e di punta, in campo educativo sia nazionali sia internazionali ed in particolare europee.
Elementi di internazionalizzazione del dottorato
I dottorandi in Scienze Pedagogiche (in particolare i titolari di borse di studio) sono tenuti a trascorrere un periodo di almeno tre mesi all’estero presso Università o Centri di Ricerca particolarmente rilevanti dal punto di vista della ricerca in campo educativo. I dottorandi sono inoltre sollecitati a partecipare a progetti di ricerca internazionali e a stabilire accordi con centri di ricerca ed istituzioni educative europei ed extraeuropei con la supervisione del tutor. Per ognuno dei due indirizzi, ogni anno saranno chiamati diversi docenti/ricercatori stranieri le cui ricerche si sono particolarmente distinte in ambito pedagogico-didattico. Come altro elemento di internazionalizzazione viene fornita l’opportunità di essere supportati nell’elaborazione della tesi di dottorato anche da tutor provenienti da Università Europee. E' inoltre prevista la possibilità di ottenere il certificato di "Doctor Europeaus" o di svolgere una tesi in co-tutela con università straniere quale elemento che ha contraddistinto storicamente il percorso del dottorato e che concorre a qualificarlo ulteriormente.
Prodotti e risultati attesi dalle attività di ricerca dei dottorandi
I prodotti e i risultati attesi in itinere prevedono:
- recensioni (2 almeno per ogni dottorando, per il primo anno)
- articoli scientifici su riviste nazionali e internazionali (almeno 3 per ciascun dottorando)
- presentazione dei risultati delle singole ricerche (anche in itinere) in convegni nazionali e internazionali.
Al termine del percorso formativo il risultato atteso consiste nella pubblicazione della tesi di dottorato.
Collegio dei docenti
Cognome Nome Ateneo/Ente Qualifica
BALDUZZI LUCIA Università di Bologna Professore associato
BERNARDI MILENA Università di Bologna Professore associato
BESEGHI EMMA Università di Bologna Professore ordinario
BRIGHI ANTONELLA Università di Bologna Ricercatore
CALDIN ROBERTA Università di Bologna Professore ordinario
CARONIA LETIZIA Università di Bologna Professore ordinario
CUCONATO MORENA Università di Bologna Professore associato
DEMOZZI SILVIA Università di Bologna Ricercatore
FABBRI MAURIZIO Università di Bologna Professore ordinario
FABBRI MANUELA Università di Bologna Professore associato
GALLERANI MANUELA Università di Bologna Professore associato
GIGLI ALESSANDRA Università di Bologna Ricercatore
GRILLI GIORGIA Università di Bologna Ricercatore
GUERRA LUIGI Università di Bologna Professore ordinario
GUGLIELMI DINA Università di Bologna Professore associato
MARCUCCIO MASSIMO Università di Bologna Professore associato
PIRONI TIZIANA Università di Bologna Professore ordinario
VANNINI IRA Università di Bologna Professore associato