Tirocini formativi e di orientamento

Il tirocinio formativo e di orientamento (previsto dall'art. 18 della legge 196/97 e dall’ART. 11 del DL 138/2011 convertito il Legge con provvedimento n. 148/2011) è uno strumento facoltativo rivolto a laureati che abbiano terminato gli studi da non più di dodici mesi, finalizzato alla conoscenza diretta del mondo del lavoro, che consente di realizzare una reale esperienza lavorativa (pur non costituendo, al pari del tirocinio curriculare, un rapporto di lavoro).

La durata massima del tirocinio formativo e di orientamento è di 6 mesi e deve essere attivato entro 12 mesi dalla data di conseguimento del titolo (laurea, laurea magistrale, scuola di specializzazione, dottorato di ricerca, master universitario di primo e di secondo livello).

Per i tirocini formativi e di orientamento attivati in Emilia Romagna è prevista un’indennità mensile minima di 450,00 Euro. Per i tirocini formativi e di orientamento attivati in altre Regioni è necessario verificare la normativa applicabile.

La domanda di tirocinio formativo può essere presentata entro i dodici mesi dalla data di laurea in qualsiasi momento dell’anno tramite applicativo tirocini e si possono attivare più tirocini formativi in tempi successivi.

I contenuti e la modalità di partecipazione al tirocinio sono concordati tra un docente dell'Ateneo denominato "tutore" ed il responsabile della struttura ospitante (o suo delegato) denominato "referente" ed il tirocinante.

Per ciascun tirocinante verrà predisposto un progetto formativo e di orientamento contenente:

  • il nominativo del tirocinante;
  • nominativi del tutore e del responsabile aziendale;
  • obiettivi e modalità di svolgimento del tirocinio, con l’indicazione dei tempi di presenza in azienda;
  • le strutture aziendali (stabilimenti, sedi, reparti, uffici) presso cui si svolge il tirocinio;
  • gli estremi identificativi delle assicurazioni INAIL e per la responsabilità civile.