Informativa dei dati personali utilizzo badge

Vi informiamo che nell’ambito delle finalità istituzionali, per particolari esigenze di sicurezza, sono applicate ai badge le c.d. etichette “RFID”, particolare tecnologia attraverso cui è possibile leggere, mediante appositi lettori, le informazioni personali contenute nelle tessere magnetiche.

In particolare ai sensi dell’art. 13 del D.lgs. 196/2003, vi informiamo che l’Ateneo utilizza un Sistema di Controllo degli Ingressi, da ora definito “C.I.P.”, tramite il quale si rende possibile un controllo puntuale dell’accesso alle strutture ai soli utenti autorizzati. Sono da ritenersi utenti autorizzati coloro che, utilizzando il badge d’Ateneo con gli appositi dispositivi, sono abilitati ad accedere ad aule, laboratori, biblioteche dell’Ateneo dai “referenti CIP” gestori dell’impianto.

1.  Finalità e modalità del trattamento cui sono destinati i dati

Il trattamento dei dati avviene al fine di preservare il patrimonio universitario e migliorare la sicurezza all’interno degli edifici.

I dati sono rilevati tramite un’etichetta RFID o la banda magnetica contenuta nel badge.

Le etichette “RFID” o la banda magnetica permettono al sistema CIP di identificare l’utente che richiede l’accesso utilizzando le informazioni personali (nome, cognome, gruppo di appartenenza/tipologia di incarico) delle quali dispone l’Ateneo.

Tali informazioni personali sono registrate nel sistema CIP al momento dell’ingresso o dell’uscita dalla sede e sono conservate presso il CESIA per un periodo non eccedente a sei mesi.

2.  Natura dei dati

Il conferimento dei dati personali non discende da un obbligo normativo tuttavia è necessario per accedere alle sedi universitarie con accesso CIP. L’eventuale rifiuto comporta l’impossibilità di accedere alla sede universitaria, salvo annotazione della presenza su registro cartaceo.

3.  Flusso dei dati

I dati personali generati tramite CIP (inerenti agli orari di ingresso e di uscita dalla sede) sono conservati presso il CESIA e, a seconda dei profili autorizzativi, possono essere visualizzabili in forma aggregata o in chiaro dai “referenti CIP” della sede nella quale è installato il sistema.

I dati sono poi resi anonimi e contribuiscono a integrare alcune ricerche statistiche inerenti l’utilizzo di alcune strutture dell’Ateneo.

I dati possono essere forniti, su specifica richiesta, all’Autorità giudiziaria.

4.  Soggetti del trattamento

Il Titolare dei dati forniti tramite CIP è l’Alma Mater Studiorum - Università di Bologna, con sede in via Zamboni, 33 - 40126 Bologna.

I Responsabili del trattamento dei dati personali oggetto di tale informativa sono:

  • i Responsabili delle strutture amministrative, di servizio, didattiche e scientifiche (l’elenco dei Direttori/Vice-presidenti di Sede e Dirigenti delle strutture è disponibile sul sito www.unibo.it) per ciò che concerne l’autorizzazione ad accedere alle sedi di propria competenza con il suddetto sistema e, in generale, per tutte le informazioni visualizzate/visualizzabili dai propri incaricati;
  • il Dirigente dell’Area Sistemi Informativi e Applicazioni - CeSIA, Ing. Enrico Lodolo - Viale Filopanti n. 3 - 40126 Bologna (BO), per ciò che concerne la gestione dell’infrastruttura informatica e la conservazione dei log files generati da CIP.

L’elenco degli amministratori di sistema è disponibile presso il CeSIA e può essere fornito su richiesta dell’interessato scrivendo all’indirizzo assistenza.cesia@unibo.it.

5.  Diritti dell’interessato

I soggetti cui si riferiscono i dati personali hanno il diritto in qualunque momento di ottenere la conferma dell’esistenza o meno dei medesimi dati e di conoscerne il contenuto e l’origine, verificarne l’esattezza o chiederne l’integrazione o l’aggiornamento, oppure la rettificazione (articolo 7 del Codice in materia di protezione dei dati personali).

Ai sensi del medesimo articolo si ha il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché di opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento.

Tali diritti sono esercitabili scrivendo all’indirizzo del Titolare sopra riportato oppure contattando il Responsabile dello specifico trattamento di dati per i quali si esercitano i diritti di cui all’art. 7 del d.lgs. n. 196/2003.